Obesità infantile | Carmelina Marro Torna in forma Mediplant

Un bambino obeso sarà un adulto obeso?

Sì. Diversi studi confermano che esiste un legame tra l’obesità infantile e quella adulta. I bambini obesi hanno un maggior rischio di esserlo anche da adulti, con il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, malattie metaboliche o cancro che sappiamo essere strettamente correlate all’eccesso ponderale. Questo dato risulta particolarmente allarmante se pensiamo che, secondo il Ministero della Salute, in Italia un bambino su 4 è obeso e i bambini italiani sono tra i più grassi in Europa.

Le condizioni di obesità e sovrappeso sono per definizione fattori di rischio per le malattie croniche. Complicanze quali insulino-resistenza, steatosi epatica, ipertensione, sindrome metabolica, diversamente da quanto si possa pensare sono presenti già precocemente in età infantile e sono strettamente correlate alla situazione del peso.                                                                                                        Inoltre è scientificamente confermato che una dieta ricca di grassi e povera di fibra, incrementando la percentuale di grasso corporeo anticipi l’età della pubertà nelle bambine. Ciò oltre a determinare un rallentamento della crescita in altezza è correlato con un maggior rischio di sviluppare il cancro al seno, poiché questo è legato al tempo di esposizione agli estrogeni.
A causa del peso eccessivo sulle cartilagini sono molto frequenti disturbi di natura ortopedica come piedi piatti, distorsioni e fratture.

Bambini obesi presentano difficoltà respiratorie come asma, apnee notturne o affaticabilità che possono compromettere anche l’attività fisica o il semplice gioco.

Conseguenze negative ce ne sono anche per il profilo psicologico. Bambini in sovrappeso spesso vengono derisi o etichettati, e ciò potrebbe portarli ad isolarsi e a sviluppare comportamenti che potrebbero evolvere in disturbi del comportamento alimentare.

Le abitudini che si acquisiscono nell’infanzia tendono a persistere. Un’alimentazione scorretta e delle cattive abitudini incidono non solo sul bambino, ma anche sull’adulto che sarà.  È indispensabile dunque che fin da piccoli si acquisiscano abitudini e stili di vita tali da creare un bagaglio nutrizionale e comportamentale salutare.

 

Bibliografia:

– Simmonds M et al – Predicting adult obesity from childhood obesity: a systematic review and meta-analysis. Obes Rev 2016 Feb;17(2):95-107

– Llewellyn A et al – Childhood obesity as a predictor of morbidity in adulthood: a systematic review and meta-analysisObes Rev 2016 Jan;17(1):56-67

Leggi qui tutti gli articoli di Carmelina Marro

 Trova il centro qualificato più vicino a te

 Leggi I consigli del Nutrizionista

Nessun commento