Diarrea, rimedi a tavola e fitoterapia

12 Maggio 2020
 

Che siano dovuti ad alimentazione scorretta, a stress o ad altre cause, i disordini intestinali non sono mai piacevoli! È bene, in questi casi, imparare ad apportare piccole modifiche alla propria alimentazione e conoscere i rimedi naturali più validi per affrontarli al meglio.

Tra i disordini intestinali più frequenti e, diciamocelo, più fastidiosi, un primato spetta alla diarrea.

La diarrea è causata dall’aumento del contenuto di acqua nelle feci, che perdono consistenza risultando molto morbide e, persino, liquide. Spesso si accompagna a dolore addominale e all’aumento delle frequenza delle evacuazioni giornaliere, causando forte disagio in chi ne soffre.

In base alla durata si distinguono due tipi di diarrea:

  • acuta, se presente per meno di 4 settimane
  • cronica, se si manifesta per più di 4 settimane

La diarrea acuta è per lo più dovuta a infezioni o parassitosi oppure a intossicazioni alimentari, allergie, farmaci o specifiche patologie intestinali; la diarrea cronica invece a malattie infiammatorie intestinali e non infiammatorie, come ad esempio la sindrome del colon irritabile.

Precisando che è bene contattare e riferire al medico curante la presenza di episodi diarroici, soprattutto se frequenti o che non si risolvono nel giro di pochi giorni, ecco alcuni accorgimenti dietetici particolarmente utili.

Fino alla normalizzazione delle evacuazioni, è bene infatti seguire alcune regole alimentari che permettano al nostro intestino di ripristinare il suo corretto funzionamento.

Per evitare di “affaticare” il nostro intestino ed evitare di favorire l’eccessiva motilità intestinale, sono da preferire pasta e riso a basso contenuto di fibra, quindi meglio evitare gli alimenti integrali. Per lo stesso motivo sono da evitare tutti gli alimenti ad alto contenuto fibra, quindi anche legumi, verdure e frutta (ad eccezione di carote, mela e banana). Anche latte e formaggi andrebbero eliminati durante la fase acuta, mentre le fonti proteiche come carne e pesce possono essere assunti, dando priorità alle varietà più magre.  Queste restrizioni sono solo momentanee, man mano che i sintomi si riducono, sarà possibile riprendere gradualmente un’alimentazione varia e completa, reintroducendo tutti gli alimenti eliminati precedentemente.

Un aiuto in più arriva dalla fitoterapia. È stato dimostrato che gli estratti di alcune piante possono essere molto utili in caso di diarrea, perché in grado di migliorare la consistenza delle feci e regolarizzare l’alvo.

Reanorm Mediplant nasce dall’associazione di:

- Farina di semi di carrube, ad alto potere assorbente, ed in grado di normalizzare la consistenza delle feci in corso di diarrea.

- Pectine di agrumi e rovo comune, ad azione astringente.

- Bacillus coagulans, probiotico che favorisce l’equilibrio della flora batterica.

Il protocollo fitoterapico ideale prevede il supporto con il probiotico specifico. Il Proactive Rea Mediplant è a base di Amamelide ad azione astringente, e Lactobacillus Rhamnosus e Saccharomyces Boulardi.

Piccoli accorgimenti dietetici e corretti aiuti fitoterapici, rappresentano gli strumenti più adatti per contrastare i disordini intestinali derivanti da cattiva alimentazione e stress.

Prodotti correlati